Continua l’attività del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati per migliorare e rendere più snella la macchina organizzativa e quella della comunicazione interna. Queste solo alcune delle determinazioni più rilevanti dell’ultima seduta:

 

  • PORTALE “RICONOSCO”

 Nel piano di riorganizzazione dell’ufficio di Segreteria, e della ristrutturazione del sito istituzionale,  a partire dalla prossima settimana verranno attivati nuovi servizi telematici ai quali si potrà accedere dal portale RICONOSCO e che permetteranno di visualizzare e comunicare in tempo reale, seduti comodamente dal proprio studio le seguenti informazioni: “variazioni anagrafiche” per comunicare variazioni di domicilio professionale, di residenza, di utenze fisse e mobili e di indirizzi PEC ed e-mail; “assicurazioni” per comunicare i dati relativi all’assicurazione per responsabilità civile e contro gli infortuni; “modulo quote” per visualizzare la propria situazione quote.

L’Ordine in qualità di utilizzatore del software RICONOSCO, e la DCS in qualità di gestore, hanno concordato un supporto diretto agli iscritti su eventuali problematiche che dovessero insorgere nell’utilizzo della piattaforma web: a tale scopo è stato dedicato l’indirizzo mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

  • INTERVENTI DEL COA DI NAPOLI PER IL COA DI NAPOLI NORD 

 

Facendo seguito all’incontro tenuto dall’Ufficio di Presidenza del COA Napoli  con il Presidente del C.N.F.  Andrea Mascherin e l’Ufficio di Presidenza del COA Napoli  Nord, per sopperire alla carenza di risorse organiche ed amministrative  di quest’ultimo, il Consiglio ha deliberato il distacco (o “comando”) di una unità amministrative del COA di Napoli e di S.Maria Capua Vetere presso gli uffici del COA Napoli Nord, uno o due giorni alla settimana fino al 31 dicembre 2017. E l’ulteriore distacco (o “comando”) di una  unità amministrativa dei medesimi COA per un periodo di tre mesi, uno o due giorni alla settimana a decorrere dal 7 gennaio 2018, dando mandato al Cons. Segretario di adottare gli opportuni adempimenti.

 

  • AUTOLIQUIDAZIONE COMPETENZE ATTO DI PRECETTO

E’ stata approvata la bozza preparatoria del  protocollo d’intesa tra magistrati e avvocati relativamente all’autoliquidazione in sede di precetto delle competenze successive alla pubblicazione della sentenza e prima dell’avvio dell’azione esecutiva. Il COA di Napoli concorderà con il Tribunale una tabella che individuerà  il compenso professionale da inserire in sede di precetto, oltre alle competenze previste dalle tabelle, per la disamina del titolo esecutivo e per la notificazione dello stesso unitamente al precetto. Importi che generalmente non vengono riconosciuti nonostante l’attività svolta.

 

  • SPESE PER I FIGLI IN MATERIA DI SEPARAZIONE E DIVORZIO

Adottate le linee guida elaborate dal CNF in materia di spese per i figli da separazione, divorzio e quelli nati da genitori non coniugati. In base al protocollo andranno distinte le spese straordinarie da recuperare con procedura monitoria o eventualmente con atto di precetto. Tale schema sarà integrato da  uno specifico protocollo d’intesa tra COA Napoli e gli uffici giudiziari con i quali sarà costituito un tavolo comune.

 

  • INCONTRI CON CASSA FORENSE

Il COA Napoli ha previsto  un calendario di incontri con cadenza bimestrale con i delegati della Cassa Forense. Al primo incontro con i delegati della C.F.  le cui dichiarazioni saranno reperibili dal verbale di seduta del 12.12.2017  in fase di pubblicazione, sono state avanzate precise domande sullo stato di avanzamento delle risultanze della recente assemblea degli iscritti e del documento approvato. In particolare, sono state a loro sottoposte le richieste di chiarimento sulle domande di modifica dell’attuale sistema che prevede un minimo contributivo slegato al reddito professionale, alla necessità di estendere l’elettorato attivo e passivo a tutti gli Avvocati iscritti in albo, nonché a che punto siano i lavori della Commissione di Cassa forense che doveva  verificare la possibilità di ridurre il contributo minimo, individuando altri parametri che tenessero conto delle difficoltà dei professionisti che producono un reddito molto esiguo.

Il verbale del 12 dicembre sarà disponibile la settimana prossima.