ELEZIONI DEL CONSIGLIO DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI - CANDIDATI

Scarica allegato

 

MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLE OPERAZIONI DI VOTO

Scarica allegato

 

 

 

AVVISO DI CONVOCAZIONE DELL'ASSEMBLEA

 Clicca qui

 

 

Esemplificazione pratica del voto elettronico

Cari Colleghi,

in vista delle elezioni forensi che si terranno a Napoli dal 23 al 28 ottobre 2017, il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli ha stabilito,  con delibera del 18 settembre 2017, l’espressione del voto ed il conteggio delle preferenze attraverso le tecnologie elettroniche ed informatiche.

Tale decisione è stata adottata per:

  • velocizzare le operazioni di voto;
  • rendere istantaneo lo scrutinio dei voti;
  • consentire l’immediata correzione di un errore nell’espressione del voto;
  • evitare discussioni sulle schede dubbie;
  • eliminare il rischio di errori nel conteggio dei voti;
  • contenere i costi.

Ovviamente, appare necessario procedere immediatamente ad una massiccia campagna informativa, mirata a raggiungere gli iscritti che potrebbero incontrare difficoltà ad utilizzare tale strumento informatico nella scelta dei propri candidati.

Il voto elettronico potrà essere effettuato attraverso postazioni dedicate ubicate nella Sala Arengario del Nuovo Palazzo di Giustizia – Centro Direzionale di Napoli.

Presso ogni cabina elettorale sarà collocato un computer e l'elettore potrà esprimere le preferenze mediante uno schermo in modalità touch screen.

Tale sistema di registrazione elettronica sarà in grado di identificare il votante ed assisterlo istantaneamente, grazie all'ausilio di un supporto cartaceo, simile ad una ricevuta, su cui verrà stampata ogni azione esercitata dal votante sullo schermo, in modo che quest’ultimo possa verificarla, prima di confermare la validità delle preferenze e delle operazioni specificate. 

Il computer stamperà una ricevuta con le preferenze selezionate, in modo che l'elettore possa verificarle, prima che la stessa sia inserita in un’urna debitamente sigillata: pertanto, il contenuto della ricevuta non sarà visibile, né accessibile a nessuno, fino a conclusione dell'evento elettorale.

La ricevuta non riporterà l'identità del votante e la stampante sarà visibile soltanto al votante, il quale potrà controllare soltanto il suo voto per dare poi la conferma.

 

Si allega una esemplificazione del voto elettronico.

 

Cordiali saluti.

Il Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Napoli

Avv. Armando Rossi

 

ORGANISMO DI COMPOSIZIONE DELLA CRISI ISTITUITO PRESSO IL CONSIGLIO DELL’ORDINE DEGLI AVVOCATI DI NAPOLI

Clicca qui

 

Cari Colleghi,

Vi comunico che giovedì 12 ottobre alle ore 11.30, presso la sala Auditorium del Nuovo Palazzo di Giustizia, si terrà il Convegno sul tema “La procedura di composizione della crisi da sovraindebitamento ed il ruolo dell’Organismo istituito presso il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli.

La grave crisi economica ha portato alla crescita dell’interesse verso gli strumenti di risoluzione della crisi da parte di una platea di destinatari molto ampia, tra cui le imprese non fallibili, i lavoratori autonomi, nonché i numerosissimi consumatori che accedono ai vari strumenti di credito al consumo, senza riuscire successivamente a restituire le somme dovute: ciascuno di essi può essere accompagnato in un percorso di composizione della crisi con l’ausilio di un gestore della crisi, in parte dilazionando ed in parte riducendo le somme dovute a vario titolo a fornitori, banche, erario, enti previdenziali, sulla base delle possibilità reddituali o patrimoniali residue ed a determinate condizioni.

È così che la legge sul sovraindebitamento è sempre più conosciuta da imprese, consumatori e professionisti che ottenegono l’esdebitazione.

Nelle procedure di sovraindebitamento il debitore deve essere assistito da un Organismo di composizione delle crisi - iscritto in un Registro del Ministero della Giustizia - che garantisce la formazione e la gestione dell’elenco dei gestori iscritti e la determinazione dei compensi e dei rimborsi spese spettanti a carico dei soggetti che ricorrono a tali procedure.

L’Organismo istituito dal COA di Napoli rappresenta anche, dal punto di vista professionale, un’opportunità per gli Avvocati: i debitori, oltre che a rivolgersi ad un Avvocato per la valutazione di tutta la situazione debitoria, potranno rivolgersi all’ Organismo di composizione della crisi (OCC) del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati, composto da Gestori della crisi, il cui ruolo sarà ricoperto dagli Avvocati iscritti.

In definitiva, appare evidente che tali procedure prevedono un ruolo centrale dell’Avvocato: il grande tecnicismo della materia, infatti, impone al debitore di avvalersi dell’ausilio di un difensore nella valutazione della propria situazione debitoria in rapporto al patrimonio di cui dispone e nella predisposizione di un piano o accordo che possa essere accettato. Diversamente, non è assicurato il buon fine di tali procedure, che possono, effettivamente, dare una svolta positiva alla vita di chi si è troppo indebitato.

Di contro, un altro Avvocato può essere gestore della crisi: nel qual caso, ha il compito di assumere ogni iniziativa volta a comporre la crisi da sovraindebitamento che venga prescritta dalla legge.

Cordiali Saluti

Il Presidente del Consiglio
dell’Ordine degli Avvocati di Napoli
Avv. Armando Rossi 

 

 Ultimora
Comunicazione agli iscritti

Utimora.
Il Consiglio dell' Ordine degli Avvocati di Napoli ha deliberato l'invito al CNF e all'OCF per la richiesta al Ministero della Giustizia di una proroga del termine, fissato per domani, per la stipula della polizza assicurativa per la responsabilità professionale e di quella a copertura degli infortuni.
Seguirà pubblicazione per esteso dell'estratto di delibera.

 

News